Anatomia ATM

Le strutture anatomiche che ci permettono di aprire e chiudere la bocca sono estremamente specializzate e lavorano in sinergia quando mastichiamo, sbadigliamo, parliamo o deglutiamo; comprendono muscoli, ossa ed articolazioni. Cinque tipi di muscoli permettono di aprire e chiudere la bocca, controllare i movimenti della mandibola lateralmente, in avanti e indietro. L’articolazione temporomandibolare è coinvolta in tutti questi movimenti.

L’ATM si trova nel punto in cui la parte superiore della mandibola (condilo) si articola con il cranio (fossa glenoidea) e rende possibile l’azione di rotazione, traslazione e scivolamento necessarie per aprire e chiudere la bocca, spostarla di lato o in avanti e indietro.

La mandibola si articola nella flossa glenoide lateralmente

Il condilo è articolato con la flossa glenoide

È costituita da un condilo di forma ovale, che è la parte terminale dell’osso della mandibola, e da una piccola cavità del cranio che lo contiene, chiamata fossa glenoide; annesse all’articolazione temporomandibolare vi sono anche legamenti, tendini, vasi sanguigni e nervi. Fra il condilo mandibolare e la fossa glenoidea, che lo contiene, vi è un disco di tessuto fibrocartilagineo che ha la funzione di ammortizzare e stabilizzare l’articolazione nei suoi movimenti. Quando la mandibola si apre, il condilo ruota e scivola in avanti con il disco, per poi tornare in posizione di riposo quando la mandibola si chiude. Il disco assorbe gli shock causati dai movimenti dell’articolazione temporomandibolare e permette un movimento fluido. I muscoli della masticazione, che sono direttamente attaccati alla mandibola, aprono, chiudono, ruotano e spostano in avanti la mandibola stessa, consentendoci di parlare, masticare ed inghiottire con la necessaria fluidità ed aiutandoci a controllare il movimento o tenere una posizione. I muscoli del collo e delle spalle, che sono i muscoli accessori della masticazione, stabilizzano il cranio sul collo quando la mandibola compie i suoi movimenti, mentre i legamenti stabilizzano l’articolazione.

Quando i muscoli sono rilassati e hanno il corretto bilanciamento, la mandibola si apre e si chiude normalmente e le consuete attività del parlare, masticare o sbadigliare non arrecano alcun dolore. I muscoli masticatori che non sono sottoposti a stress eccessivi conservano la propria flessibilità e lavorano in armonia con le altre parti della mandibola. Come gli ingranaggi di un motore, le parti mobili delle articolazioni permettono il movimento; infatti, un efficace funzionamento dell’articolazione temporomandibolare richiede una perfetta coordinazione muscolo-scheletrica, per poter mantenere i corretti rapporti tra disco e condilo. Quando si crea una incordinazione tra disco e condilo, è possibile il manifestarsi di click in apertura o in chiusura.